Archivio della categoria: Gallery

dscn7555

Charter Night e Passaggio delle Cariche

25 Giugno 2020

img-20200308-wa0000

Trofeo Golf

Giunta alla sua 12a edizione questa competizione che raggruppa numerosi giocatori provenienti la Liguria e Piemonte quest’anno ha come obbiettivo di raccogliere fondi per la LCIF 100.

L’UILG Unione Italiana Lions Golfisti da anni garantisce il patrocinio di questo circuito che darà la possibilità, attraverso queste raccolte fondi, ( quest’anno a Rapallo è arrivata a circa 1000 Euro ) alla nostra Associazione di raggiungere quota 100.000 Euro distribuita poi nelle grandi campagne di Services Nazionali.

Un grande ringraziamento a tutti i Soci che hanno reso possibile, attraverso l’organizzazione della postazione Lion, questo importante Service.

img-20200216-wa0004

Oncologia Pediatrica e Pet Therapy

Oncologia Pediatrica e Pet Therapy

L’oncologia pediatrica  è una delle grandi sfide che Lions Club International ha accolto per i prossimi anni ed è uno dei principali service del Distretto 108 Ia2

I Lions hanno constatato gli effetti del cancro infantile sui bambini e sulle loro famiglie e si sono impegnati a offrire loro un supporto concreto per aiutare i bambini colpiti dalla malattia.

In ambito oncologico c’è stato un aumento degli ospedali italiani che ammettono gli animali come integrazione delle normali cure.

Il principale obiettivo è alleviare la sofferenza fisica e psicologica dei piccoli pazienti; la relazione con l’animale mira a favorire sicurezza, capacità relazionale e permette di riacquisire abilità psicologiche e motorie; aumenta la tendenza a socializzare e interagire con gli altri. favorendo un miglioramento della qualità della vita.

Lions Club International Distretto 108Ia2

In occasione del Congresso di Apertura del 21 settembre 2019 il Lions Club Rapallo aderisce al “Mercato delle Idee) e presenta il progetto di service nell’ambito dell’Oncologia Pediatrica e Pet Therapy, classificandosi al secondo posto

“Progetto Oncologia Pediatrica e Pet Therapy – Attività ludico-ricreative Assistite con l’Ausilio di Animali – Ospedale G. Gaslini – Genova”

La Pet Therapy – Terapia con Animali domestici nasce nel 1953 quando  lo psichiatra americano Boris Levinson portò in studio il proprio cane Jingles, che iniziò a giocare con un bimbo autistico; accarezzare e coccolare procura un contatto fisico, favorisce la comunicazione interpersonale e interspecifica, stimola la curiosità e la capacità di prendersi cura di un animale.

Questa esperienza professionale venne seguita da approfondite ricerche e  formalizzata nel libro The Dog as Co-Therapist (Il cane come co-terapeuta), in cui il cane viene considerato  come un essere dotato di personalità, capace di giocare, di divertire e divertirsi in interazione con l’uomo.

Nel 1969 Levinson descrive in una sua pubblicazione Child Psychotherapy le metodologie operative della Pet Therapy, che vengono identificate nella psicoterapia infantile orientata con l’intervento degli animali.

Levinson documenta il modo con cui l’animale funge da “ponte”, da “mediatore” tra il professionista e il paziente, favorendo il costituirsi di un’alleanza terapeutica  e fornendo al paziente la motivazione a partecipare attivamente al processo terapeutico stesso.

Il principio della Pet Therapy si basa sulla relazione speciale che si viene a creare tra la persona e l’animale: I contatti che si instaurano tra paziente e animale riescono a facilitare il rapporto con il terapeuta o con chi aiuta il soggetto.

Dal 1953 trascorrono più di 50 anni di studi ed esperienze in materia di Pet Therapy e benessere degli animali da compagnia e pet therapy. Il 6 febbraio 2003 viene emesso l’Accordo del Ministro della Salute, le Regioni e le Province Autonome di Trento e di Bolzano in materia di benessere degli animali da compagnia e Pet Therapy; Il 21 ottobre 2005 viene pubblicato il documento del Comitato Nazionale di Bioetica: “Problemi bioetici relativi all’impiego di animali in attività correlate alla salute e al benessere umani” e, dopo altri 10 anni, il 25 marzo 2015, venne emesso l’Accordo tra il Governo, le Regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano sul documento recante “Linee guida nazionali per gli interventi assistiti con gli animali (IAA)”. Documento nel quale viene riconosciuto che gli animali domestici svolgono un importante ruolo di mediatori nei processi terapeutico-riabilitativi ed educativi  e che numerose sono le evidenze scientifiche che ne dimostrano l’efficacia

Gli IAA hanno valenza terapeutica, riabilitativa, educativa e ludico-ricreativa e comprendono tre ambiti di intervento:

Terapie Assistite con gli Animali (TAA),

Educazione Assistita con gli Animali (EAA)

Attività Assistite con gli Animali (AAA).

• le Terapie Assistite con gli Animali (TAA) sono finalizzate alla cura di disturbi della sfera fisica, neuro e psicomotoria, cognitiva, emotiva e relazionale. Le TAA si prefiggono di raggiungere obiettivi specifici.  Queste attività richiedono un intervento progettuale personalizzato per ogni singolo paziente, possono essere svolte individualmente o in gruppo e vanno costantemente valutati e documentati.

• l’Educazione Assistita con Animali (EAA) è finalizzata a promuovere, attivare e sostenere le risorse e le potenzialità di crescita, relazione e inserimento sociale delle persone in difficoltà.

Principalmente sono attività di tipo educativo e/o ludico-ricreativo effettuati con l’aiuto degli animali.

Le EAA hanno obiettivi specifici proposti da educatori e/o insegnanti in collaborazione con i conduttori e professionisti del benessere dell’animale.

• le Attività Assistite con gli Animali (AAA) sono finalizzate al miglioramento della qualità della vita e della corretta interazione uomo-animale.

Le AAA hanno un progetto organizzativo che tiene conto delle esigenze dell’utente e senza l’attivazione di richieste specifiche.

Il 22 luglio 2016, il Ministero della Salute pubblica il Piano Nazionale Integrato 2015-2018 sugli Interventi assistiti con gli animali ribadendo l’importanza di promuovere e potenziare i vari interventi e collaborazioni nella Pet Therapy.

I documenti approvati stabiliscono regole omogenee sul territorio nazionale, definiscono gli standard di qualità per la corretta applicazione degli IAA e obbligano le organizzazioni alla pubblicazione annuale di dati riguardanti metodiche e risultati.

Hanno inoltre lo scopo di armonizzare tali metodiche, garantire la tutela sia delle persone sia degli animali coinvolti e favorirne la corretta interrelazione.

Formazione in Italia

Le Linee guida nazionali definiscono i percorsi formativi per l’acquisizione dell’idoneità necessaria a ricoprire i vari ruoli all’interno dell’équipe multidisciplinare.

«Gli IAA, in particolare, le TAA e le EAA, prevedono il coinvolgimento di un’équipe multidisciplinare in grado di gestire la complessità della relazione uomo-animale, composta da diverse figure professionali, sanitarie e no e operatori che concorrono alla progettazione e alla realizzazione dell’intervento, ognuno per le proprie competenze, lavorando in stretta collaborazione».

La scelta dell’équipe multidisciplinare rappresenta un momento fondamentale in quanto deve essere diversificata in base agli ambiti e obiettivi dell’intervento, alle specifiche esigenze del paziente/utente e dell’animale impiegato (Presidenza del Consiglio dei Ministri, Linee guida nazionali per gli Interventi Assistiti con gli Animali)

Le figure professionali coinvolte devono avere una preparazione specifica sia per quanto riguarda i fruitori sia per quanto concerne le caratteristiche generali degli animali coinvolti;  si possono prevedere le seguenti figure che devono essere iscritti negli Elenchi del Centro di Referenza Nazionale per gli interventi assistiti dagli animali (Pet therapy) :

• responsabile di progetto (Medico e/o Psicologo-Psicoterapeuta);

• medico veterinario (valuta i requisiti comportamentali e sanitari dell’animale, l’aspetto igienico sanitario e il benessere animale);

• referente di intervento (laureato triennale; può essere: psicologo, educatore, infermiere/assistente sanitario, laureato in scienze motorie, insegnante, psicomotricista);

• coadiutore dell’animale (promuove la relazione uomo animale e monitora lo stato di salute e il benessere dell’animale in collaborazione con il veterinario).

Animali impiegati in Pet Therapy

Cane, Gatto , Coniglio , Cavallo, Asino

Devono essere in ottimo stato di salute: benessere generale, igienico-sanitario e assenza di patologie trasmissibili all’uomo o ad altri animali

Ambiente

Le attività di Pet Therapy possono essere svolte in qualsiasi struttura, pubblica o privata, in possesso di determinati requisiti  (Linee guida) che devono essere valutati attentamente mediante sopralluogo per lo studio di fattibilità del Projet work.

Conclusioni

Il rapporto con il Pet assicura benessere, felicità, serenità, compagnia, è un efficace strumento di salute della persona umana e della persona animale con reciproca beneficialità e rispetto.

Il motto del nostro Governatore, Alfredo Canobbio, è: «Custodi di Valori e Costruttori di Futuro», ma noi abbiamo la responsabilità di essere anche «Costruttori del Passato e Custodi del Futuro».

I Lions stanno cambiando il mondo una comunità alla volta, rispondendo alle necessità sia a casa propria che in tutto il mondo.  Siamo 1,4 milioni di uomini e donne che credono che la solidarietà sia importante. E quando lavoriamo assieme possiamo raggiungere obiettivi più grandi e avere un impatto maggiore di quello che possiamo ottenere da soli.

«C’è una sola cosa che tutto il denaro del mondo non potrà mai comprare: lo scodinzolio di un cane…» (Walt Disney, Lilly e il Vagabondo)

«C’è una sola cosa che tutte le ricchezze del mondo non potranno mai comprare: il sorriso di chi accarezza un cane… o un gatto…  o …» (Luisa Marnati)

img-20191221-wa0004

Ama la tua Città e Memorial Turpini

In questa occasione si svolge anche la premiazione del Service “Ama la tua Città” promosso dal nostro Club dal lontano 1989 per premiare i migliori lavori architettonici eseguiti nella nostra città nel corso dell’anno.

Contemporaneamente sempre istituito dal nostro Club, dal 2014 viene consegnato il “Memorial Turpini” ad una personalità che si è messa in luce per aver dato lustro attraverso la propria attività, all’immagine di Rapallo nel mondo.

I premi per il 2019, scelti da una commissione riunitasi in Comune alla presenza dei tecnici d’ufficio e da nostri soci, sono stati assegnati a:

– dott. Pecchioni   (restauro facciata via Marsala 16)

– studio Archè      (ristrutturazione edificio c.so Colombo 64)

– arch. A. Stolfo    (rifacimento veranda Sapore di Mare)

– geom. A. Cipolla (rifacimento veranda Miramare )

– arch. R. Castelli  (restauro ristorante Amici Miei)

– studio Peragallo  (ristrutt. edificio Santa Maria del Campo 187)

Il sesto Memorial Turpini per l’anno 2019 deliberato dal nostro consiglio direttivo è stato consegnato al Maestro musicista Andrea Cardinale che con la sua opera artistica porta il nome della nostra città nel mondo.

20191212_205116

Festa degli Auguri 12 Dicembre 2019

Serata bellissima che ci ha avvicinato allo spirito natalizio tramite una speciale testimonianza, quella del prof. Umberto Valente ex primario del Centro Trapianti del S. Martino, da anni volontario chirurgo e docente in Madagascar, una vita dedicata con impegno intelligenza e passione al prossimo.

Ribadisco “spirito natalizio” nel dare felicità alle persone attraverso la solidarietà, valore che anima il nostro Club.

Altro importante evento all’interno della serata è stato l’ingresso nel nostro club di un nuovo amico, la dott.ssa Cristiana Ferrandi alla quale vanno tutti i nostri auguri affinché si inserisca al meglio nella nostra grande famiglia e che possa dare il proprio aiuto e sostegno nello spirito che ci anima.

Il brindisi natalizio, un augurio ed un abbraccio sono stati la giusta sintesi di quello che da sempre è un incontro che ci riunisce e ci fortifica.

amsler2

Griglia di Amsler

Proposta del nostro Presidente, subito accolta dal Comune della nostra città, per promuovere l’utilizzo a protezione dei vari cantieri stradali, di griglie speciali denominate “griglie di Amsler” capaci, oltre che a delimitare aree pericolose, a fare una diagnosi sulla nostra vista attraverso le loro speciali conformazioni.

Ancora una volta Lions “i cavalieri dei ciechi” al servizio della comunità. Nel prossimo numero pubblicheremo l’evolversi di questo importante service che sta dilagando in tutta Italia.

img-20191130-wa0010

23^ Colletta alimentare

Siamo arrivati quest’anno alla 23° edizione della raccolta alimentare alla quale tutti gli anni alcuni dei nostri soci partecipano attivamente e supportano la raccolta di derrate alimentari di prima necessità da devolvere attraverso  l’associazione che se ne occupa, agli enti bisognosi.

Sono stati raccolti 27 pacchi che hanno gratificato tutto il lavoro dedicato.

Un particolare ringraziamento a Marchetto, Mainieri, Santini, Tanfani, Oneto, Milanti, Oddone, Gentile, Marnati e a tutti i Soci che hanno fatto la spesa per servire.

20191010_190429

Serata con ospiti “Un mare… di idee” – 10 Ottobre 2019

Seconda serata con ospiti organizzata dal nostro Presidente insieme agli amici Lions e Leo del L.C. Club Santa Margherita Ligure e Portofino per farci conoscere Hydrocarbot.

Questo Robot permette attraverso una speciale spugna, di assorbire gli idrocarburi dell’acqua. Abbiamo avuto il piacere di ascoltare i ragazzi dell’Ist. Sup. Liceti di Rapallo: Giorgio Bernardini, Alberto Conte, Luca De Ponti, Tommaso Pavletic, con il loro prof. Giovanni Dodero, che con questo progetto hanno vinto le Olimpiadi di Robotica 2019. Ci hanno parlato del loro prossimo viaggio a Dubai come rappresentanti dell’Italia alla First Global Challenge e di come vogliono migliorare il loro prototipo, modificando il metodo di galleggiamento e di movimento ed aggiungere un sistema G.P.S. per l’orientamento nelle zone da ripulire.

I nostri Club, insieme, sosterranno economicamente questi giovani ed intraprendenti studenti proprio in questa fase di ulteriore sviluppo del progetto volto a tutelare i nostri mari.

Un’altra eccellenza della nostra città per la salvaguardia dell’ambiente ed al servizio della nostra comunità, due temi cari ai Lions.

marcia-della-salute-2019

1^ Marcia della Salute 28/09/19

Al parco Casale di Rapallo si è svolta la “marcia della salute”, organizzata dal nostro Club, ideata dalla nostra socia Dott.ssa Paola Calcagno, con il patrocinio del Comune accompagnata dallo slogan “marcia che ti passa”.

Scopo dell’iniziativa, alla quale hanno partecipato il sindaco Carlo Bagnasco, il presidente del Consiglio Comunale, Mentore Campodonico ed i consiglieri Elisabetta Ricci e Andrea Rizzi, è quello di promuovere uno stile di vita sano, basato sul movimento come motore di una “buona salute” e sull’importanza dell’attività fisica come mezzo di prevenzione di moltissime patologie cliniche.

Madrina dell’evento Miss Sport Liguria, Laura Tassara; a sostegno dell’iniziativa, anche il Club Ferrari Rapallo.

Oltre a marciare i partecipanti hanno potuto fare un check della salute con gli specialisti a disposizione per consigli e visite : in primis il nostro presidente dott.ssa Gaia Maineri specialista in geriatria; Silva Bronia biologa nutrizionista; Giampaolo Rubini podologo; Claudio Marsano cardiologo; Andrea Corsi diabetologo.

Complimenti all’ideatrice e a tutti quelli che hanno collaborato nell’organizzazione di questa bella iniziativa che senza alcun dubbio rimarrà uno dei principali services degli anni a venire.

img-20190926-wa0009

Attiva-mente 25/09/19

L’anno Lionistico inizia quest’anno con una serata con ospiti organizzata dal nostro Presidente. Conferenza in sala riunioni dell’Hotel Europa del Prof. Marco Bove, professore di fisiologia umana presso l’Università di Genova dove svolge attività di ricerca in tema di movimento volontario, apprendimento motorio, neuroplasticità e neuroriabilitazione.

Questo tema cade a fagiolo anticipando di pochi giorni la nostra marcia della salute; infatti quello dei benefici a tutto campo dell’esercizio fisico, attraverso questa relazione abbiamo avuto modo di conoscere aspetti meno noti sull’incredibile correlazione tra muscoli e mente e su come l’esercizio fisico possa modellare i nostri neuroni.

img-20190926-wa0006 img-20190926-wa0007 img-20190926-wa0009 img-20190926-wa0010 img-20190926-wa0011 img-20190926-wa0012